Asta 108 / Lotto n° 679

Pittore fiammingo attivo a Roma nel sec. XVII.

Paesaggio lacustre con anatre e un falchetto.

Questo tipo di soggetti erano in prevalenza trattati dagli artisti fiamminghi di nature morte attivi nella seconda metà del Seicento, che rispondevano ad una richiesta di mercato legata ad un mero motivo ornamentale, a pura dimostrazione dei piaceri venatori del committente o a dei veri e propri interessi scientifici. Per quanto concerne l’opera esposta, tra gli artisti che si dedicarono a questo tipo di rappresentazioni si trova un maggiore riscontro sia in Monsù Aurora (1630-1665) che in David de Coninck (1636/46-1701), gli unici stranieri attivi a Roma dediti al genere animalista. In particolare, sono da confrontare con l’opera esaminata quelle di Monsù Aurora conservate alla Galleria Pamphilj di Roma.

Tecnica: Olio su tela, con cornice.
Dimensioni: Cm 72x100

Base d'asta
€ 850

Fai login o registrati 


Scroll